Ricerca Scientifica


La Solfatara risulta essere un'ottima base logistica per effettuare ricerche scientifiche. All'interno del cratere sono presenti numerosi punti di misurazione scientifica, realizzati con vari Enti.
Studiosi e ricercatori italiani e stranieri trascorrono periodi nella Solfatara per il rilevamento e la misurazione di numerosi parametri scientifici.

Stazione periferica della rete per la sorveglianza geochimica e sismica:

Sistema ARGO:
L'impianto all'interno della Solfatara è costituito da un'antenna parabolica e relative apparecchiature elettroniche, di cui una posizionata sul ciglio del cratere e l'altra vicino alla fumarola principale.
L'antenna parabolica serve a trasmettere i dati scientifici raccolti dalle apparecchiature elettroniche ad un satellite geo-stazionario, il quale, a sua volta trasmette questi dati a vari enti di ricerca.

Enti interessati:
• Ministero della Protezione civile
• Telespazio
• Consiglio Nazionale Ricerche
• Gruppo Nazionale per la Vulcanologia
• Istituto di Geochimica dei Fluidi

Osservatorio Vesuviano:
• Celle fotovoltaiche di alimentazione
• Anemometro
• Misurazione di anidride carbonica
• Antenna di trasmissione-dati ogni 4 ore.

Tetraedri riflettori per il monitoraggio del bradisismo:

Tetraedri riflettori per il monitoraggio del bradisismo. Nell'ambito della sorveglianza del bradisismo flegreo, l'Osservatorio Vesuviano ha avviato, in collaborazione con Enti di Ricerca Nazionali e Internazionali, il monitoraggio dei movimenti lenti del suolo tramite tecniche che utilizzano satelliti artificiali. L'impianto all'interno della Solfatara è costituito da 2 coppie di Corner reflectors, di dimensioni 1.5x1.5x1.5 m.
Un satellite invia periodicamente alle antenne, dalla caratteristica forma di tetraedro, un segnale radio che viene riflesso verso il satellite; la eventuale variazione del tempo di andata e ritorno del segnale permette di misurare gli spostamenti del suolo.

Enti interessati:
• Osservatorio Vesuviano • Facoltà di Ingegneria (Na) • Politecnico di Milano • Istitut de Physique du Globe de Paris
• Istitut fuer Navigation • Universitaet Stuttgart • ESA-ESRIN (Agenzia Spaziale Europea) supporto tecnico.

La fotografia all'infrarosso della Solfatara di Pozzuoli accostata a quella in luce naturale, fa parte del lavoro di ricerca del Prof. Chiodini ed è stata pubblicata in copertina dalla prestigiosa rivista americana J. Geophys. Res. Segue il testo in lingua originale pubblicato a commento della fotografia.

Vulcano Solfatara Srl
Via Solfatara 161
80078 Pozzuoli [Napoli], Italia
Contatti
Telefono: +39 081 5262341
Email: info@solfatara.it
Orari di Apertura
Lunedi - Domenica: 8,30 - 19 da Aprile a Ottobre
8,30 - 16,30 da Novembre a Marzo

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.